You are in:

ACT4ITALY

Come è nata l’idea di dare vita a questa associazione?

Insieme a ex compagni di università, di cui moltissimi alumni del Poli, ex-colleghi e amici ci siamo chiesti cosa potessimo fare per rispondere all'emergenza COVID19. Abbiamo deciso di mettere le nostre competenze al servizio del Paese e di fondare ACT4ITALY, associazione di volontariato con finalità no profit che opera attraverso una piattaforma (marketplace e-commerce) dove le aziende dei settori Turismo e Cultura possono vendere OGGI i propri servizi sotto forma di buoni spendibili nell'arco di 15 mesi.
In questo modo le aziende otterrebbero la liquidità subito, quando è più necessaria, e i clienti avrebbero accesso a servizi esclusivi a prezzi scontati. E' win win.

Quale obiettivo si propone?

Vogliamo avere un impatto sistemico che incrementi la resilienza e la competitività dei settori Turismo e Cultura, promuovere l’internazionalizzazione delle imprese e le loro competenze digitali. Infatti, come recita un famoso proverbio, "dai un pesce ad un uomo e si sfamerà una volta sola, insegnagli a pescare e si sfamerà tutta la vita". La nostra soluzione AS IS risponde all’esigenza concreta di liquidità, ma vogliamo rendere le aziende più preparate ad affrontare una eventuale nuova crisi con le competenze necessarie: vogliamo insegnare loro a pescare. Nei prossimi 2 mesi, implementeremo un portale B2B dove le aziende, oltre a gestire il proprio profilo e-commerce, troveranno corsi, consulenze e servizi forniti da nostri partner strategici sui temi della sostenibilità, creazione dei contenuti, promozione attraverso i canali digitali, internazionalizzazione, formazione finanziaria e tanto altro. Inoltre, entro Settembre lanceremo il servizio di “recruiting digitale per le attività”, sfruttando potenziali collaborazioni con iniziative già esistenti quali Google Eccellenze in Digitale che permettono a giovani talenti di sperimentare le loro competenze aiutando le imprese.

Quanto tempo avete dedicato alla realizzazione della piattaforma?

In termini di tempo, siamo stati davvero rapidi. Ci definiamo infatti una startup e-commerce che si è data la forma giuridica dell'associazione di volontariato. Abbiamo lanciato la piattaforma in meno di un mese e ad oggi, a soli 10 giorni dal lancio, abbiamo 60 attività a bordo, tra cui aziende e partner prestigiosi come Fai delegazione Milano, Marevivo e Borghi d’Italia tour network, abbiamo venduto 49 buoni e generato un turnover di più di € 2000.

In quanti siete ora a collaborare a questo progetto?

Siamo partiti in tre e oggi siamo più di 50; abbiamo tutti background accademici e professionali diversi ma siamo tutti accomunati dalla passione di voler contribuire alla ripartenza del Paese e incentivare gli Italiani a scegliere la nostra Bellezza per le prossime vacanze. In ACT4ITALY supportiamo il turismo e la cultura italiana oggi, rendiamo sostenibile il domani.